Una serie di destinazioni perfette per l’ecoturismo due delle quali sulla nostra lista possono sembrare scelte ovvie (l’Amazzonia e le Galapagos), ma troverete anche alcuni esponenti, come l’isola caraibica di Dominica, che sta diventando la prima destinazione ambientale della regione; Le Blue Mountains in Australia, designate patrimonio mondiale dell’UNESCO oltre un decennio fa; e Botswana, un modello di turismo sostenibile in Africa. Se alloggiare in lodge eco-compatibili nel bel mezzo di una foresta pluviale sembra allettante, considera Borneo o Costa Rica. Se alzarsi vicino alla natura e ai ghiacciai è più la tua velocità, Alaska e Antartide offrono ai viaggiatori intrepidi la possibilità di sperimentare sia dal ponte di una nave che da uno zodiaco gonfiabile. E se preferisci dormire in grandi spazi aperti e camminare su alcuni degli altopiani più alti del mondo, pianifica un trekking in Himalaya (e assicurati di portare con te la spazzatura al campo base). 

Christ McLennan / Alaska Travel Industry Association

Alaska

Denominata “La grande terra”, l’ Alaska è sede di montagne innevate che si innalzano, tundra tentacolare e un nord artico remoto, che ospita una serie di animali selvatici che sono altrimenti minacciati o in pericolo negli Stati Uniti continentali. Balene megattere, orsi bruni, linci, lontre marine, leoni marini, aquile calve e balene blu sono solo alcune delle specie protette in questa destinazione ecoturistica; in molte parti, il caribù e l’alce sono più numerosi delle persone e l’eco del ruggito di un grizzly può essere udito in lontananza. Con oltre 100 parchi statali da esplorare, l’immensa e incontaminata natura dell’Alaska invita i naturalisti a rallegrarsi in tutti i suoi splendori. Che si tratti di una crociera attraverso il maestoso Parco Nazionale dei Fiordi di Kenai , passando davanti a ghiacciai colossali nel Glacier Bay National Park, con l’avvistamento delle balene che schiaffeggiano l’acqua o il rafting lungo il fiume Copper mentre le aquile calve si librano in alto, il 49 ° stato contiene molte meraviglie. L’attuale controversa richiesta politica di trivellazione petrolifera nell’Artico National Wildlife Refuge dello stato  ha portato ancora più attenzione a questa bellissima risorsa naturale; visita te stesso per vedere in prima persona perché gli ambientalisti preferiscono lasciarlo inutilizzato.

Photos.com

L’amazzonia

Spesso descritto come il “Polmone del nostro pianeta” – produce il 20% dell’ossigeno terrestre – la straordinaria foresta pluviale amazzonica circonda il più grande sistema fluviale del mondo e supporta migliaia di specie di piante, uccelli, mammiferi e acquatici negli oltre 1,2 miliardi di acri occupa. Mentre questa zona dell’ecoturismo si estende attraverso diversi paesi del Sud America, la sezione più densa dell’Amazzonia (60%) si trova in Brasile, dove gli eco-amanti possono esplorare un mosaico di ecosistemi: puoi letteralmente camminare tra le cime degli alberi nella foresta atlantica di Bahia, lungo un 66 ponte sospeso a piedi alti circondato da decine di animali selvatici, panorami e suoni; è l’ultimo tour del baldacchino per coloro che vogliono veramente capire come funziona la foresta pluviale. Giù in basso, è possibile noleggiare una canoa e pagaiare lungo il fiume, oltre il localeribereños (abitanti di terra); pesce per piranha (che è apparentemente abbastanza gustoso); o avventurarsi in un’escursione per osservare gli uccelli. Vieni notte fonda, la foresta parla da sola, emettendo una sinfonia di suoni sotto un cielo stellato – uno degli spettacoli più belli della natura.

Photos.com

Antartide

Un inverno antartico non evoca le immagini del paradiso delle vacanze, e giustamente: il continente è circondato da ghiaccio densamente fitto, oscurità quasi perpetua, bufere di neve imprevedibili e temperature che scendono fino a 90 gradi sotto lo zero. Con le stagioni capovolte, l’inverno nell’emisfero nord è più vicino all’estate che arriva nel Continente Bianco. È anche l’unico periodo dell’anno in cui il viaggio verso quest’ultima grande frontiera è possibile, poiché il clima più caldo scioglie le barriere di ghiaccio che altrimenti impediscono l’accesso ai paesaggi selvaggi e alla fauna esotica dell’Antartide. Più di 46.000 turisti si dirigono al Polo Sud ogni anno per assistere ai suoi monumentali ghiacciai e iceberg, pinguini comici e magnifiche balene. Crociera è il modo più popolare per raggiungere questa destinazione ecoturistica fuori dal percorso, su linee similiHolland America  e National Linblad Expeditions , che cooperano con la National Geographic , che operano partenze da Buenos Aires. Entrambe le linee sono membri dell’Associazione Internazionale dei Tour Operator dell’Antartide , un’organizzazione volontaria che mira a limitare l’impatto del turismo nel continente aderendo a rigide linee guida ambientali.

 

Flickr / Rennett Stowe

Blue Mountains, Australia

Designato nel 2000 come patrimonio mondiale dell’UNESCO, l’ Australia Greater Blue Mountains Area è un popolare viaggio di ecoturismo per gli abitanti del Sydneysider che cercano di scambiare il brusio della città per la tranquillità dei grandi spazi aperti. A soli 90 minuti di macchina da Sydney, le Blue Mountains (chiamate blu per l’olio di eucalipto prodotto dagli alberi nativi della regione) coprono circa 550 miglia quadrate di valli, paludi, affioramenti rocciosi e canyon stretti – completati da da punti panoramici stellari da cui osservare la bellezza dell’Australia. Una manciata di parchi e riserve nazionali comprendono l’area, ospitando decine di sentieri attraverso terreni mozzafiato carichi di flora unica (da non perdere l’antico pino Wollemi, una delle specie più rare al mondo) e fauna (circa 400 specie, tra cui i koala, chiamate la casa delle Blue Mountains). Arrampicata, mountain bike, discesa in corda doppia, canoa, e le passeggiate a cavallo sono solo alcune delle attività – oltre al bushwalking – per godersi qui in natura. Naturalmente, la prospettiva di rilassarsi e respirare l’aria fresca di montagna in uno dei tanti lodge e cabine eco-compatibili della zona può essere altrettanto allettante.

 

Flickr / Stephane Enten

Borneo

Ricordate questa destinazione ecoturistica dalla prima stagione  Survivor , o da quando quest’isola nel Sud-est asiatico (con regioni governate dalla Malesia, dall’Indonesia e dal piccolo paese del Brunei) ha fatto notizia dopo che un misterioso animale felino mai visto prima è stato scoperto Qui. Qualunque sia il tuo interesse, il Borneo ha molto da ammaliare (quando non stai formando il tuo consiglio tribale o stai cercando il nuovo carnivoro del mondo). Le pendici del Monte Kinabalu (una delle montagne più alte del sud-est asiatico) e le fitte piste forestali del Bario Loop offrono un terreno escursionistico privilegiato; le mangrovie e le zone umide offrono panorami acquatici; e il Sepilok Orangutan Rehabilitation Center farà diventare chiunque scimmia. Per una vacanza ecologica a tutto campo, è difficile battere un soggiorno presso il pluripremiato Sukau Rainforest Lodge , un hotel completamente autosufficiente che si nutre di acqua piovana e di energia solare. Piattaforme da pesca, piattaforme per osservare gli uccelli e la fauna selvatica, motoscafi elettrici e una passerella di Hornbill lunga 1.500 piedi – che offre vedute stellari degli elefanti residenti che passeggiano dietro il lodge – sono solo alcune delle offerte naturali che puoi aspettarsi.

 

Photos.com

Botswana

Fai una passeggiata sul lato selvaggio, in stile ecologico, con un viaggio nell’entroterra dell’Africa. Con le vaste distese della savana che si estendono fino all’orizzonte, i deserti tentacolari, le foreste fluviali, i laghi transitori, le saline e un’incantevole esposizione di animali selvatici, il Botswana offre bellezze naturali e merita la sua reputazione di “gioiello dell’Africa”. Safari ti portano nella regione settentrionale, dove la natura incontaminata protegge una spettacolare varietà di fauna selvatica: mandrie di elefanti, leopardi, leoni, zebre, ippopotami, rinoceronti bianchi e babbuini chacma sono solo alcune delle creature che incontrerai qui. Una miriade di resort eco-compatibili sono spuntati lungo la savana, rendendo facile per i viaggiatori (anche se benestanti) fare baldoria nei soggiorni eco-fantasy; opzioni più convenienti si trovano nel Riserva naturale di Mokolodi.

Flickr / {N} Duran

Costa Rica

Il famoso ethos back-to-nature della Costa Rica ha contribuito a rendere il paese sinonimo del concetto di ecoturismo. Sfruttando la straordinaria ricchezza naturale e culturale che racchiude nella sua piccola area del territorio centroamericano, si regge fino al moniker che Christopher Columbus gli ha dato – Costa Rica, che significa “Costa ricca”. Dette ricchezze includono quattro attivi (ma non pericolosi, setu fai attenzione ai segnali di pericolo) vulcani; un’abbondanza di foreste pluviali (alcune così in alto sono avvolte dalle nuvole); sorgenti termali calde; più di 750 miglia di spiagge accattivanti e spesso non affollate, specialmente lungo la costa del Pacifico; il parco nazionale del Tortuguero, simile ad un Amazon, completo di logge nella giungla; e una ricca fauna selvatica, dalle scimmie alle tartarughe marine. Un sacco di negozi di avventura ti porteranno birdwatching, rafting, trekking, mountain bike, equitazione, pesca, immersioni subacquee, arrampicata su roccia, paracadutismo e molto altro ancora. Con scelte come queste, dovrai anche sfruttare le tue energie naturali.

gadventures.com

Dominica

Tra Martinica e Guadalupa è la lussureggiante isola di Dominica (alias “L’isola naturale dei Caraibi”), ed è facilmente la nostra prima scelta per le destinazioni ecoturistiche caraibiche. Gli sforzi verdi dell’isola sono iniziati in gran parte nel 1997, quando ha partecipato a Earth Check – il primo paese dei Caraibi a farlo – e il suo recente titolo di “Whale-Watching Capital of the Caribbean” non fa che aumentare il suo vantato status di eco-status. L’isola è spesso visitata da balene da 40 tonnellate, che amano socializzare, accoppiarsi e giocare sulle sue rive; ai visitatori viene promessa una probabilità del 90% di individuarne uno da vicino. Disegni importanti come questo, combinati con alcune delle migliori immersioni subacquee e foreste pluviali più incontaminate dei Caraibi – sentieri escursionistici superbi conducono ad un lago ribollente inquietante, cascate meravigliose, e altro ancora – sono ciò che rende l’isola un paradiso ecoturistico. È particolarmente facile essere verdi qui dato che, alla fine della giornata, puoi rilassare i muscoli stanchi nelle sorgenti termali naturali dell’isola e stare nelle logge appartate della foresta pluviale, soffuse dai suoni della giungla.

 

Flickr / Dallas Krentzel

Isole Galapagos

Visitare le isole Galapagos è l’equivalente del viaggio ecologico di fare un pellegrinaggio alla Mecca. Quando Darwin visitò queste isole incontaminate a 620 miglia dalla costa dell’Ecuador nel 1835, rimase talmente colpito dalla variazione della vita che vide accostare alla sua teoria dell’evoluzione. Quasi due secoli dopo, questo incredibile arcipelago ospita alcune delle creature più singolari del pianeta – non c’è da stupirsi, quindi, che la destinazione dell’ecoturismo sia stata proclamata la prima riserva naturale mondiale del mondo nel 1978 (è diventata Riserva della Biosfera dall’UNESCO in 1984). Ambientalisti e viaggiatori eco-consapevoli si sono dedicati a preservare i preziosi ecosistemi presenti nelle 13 isole maggiori qui (così come quelli sulle otto isole minori e sui 40 atolli della catena); di conseguenza, circa il 97% delle Galapagos è protetto dal Servizio del parco nazionale delle Galapagos . Potresti essere sorpreso di sapere che puoi davvero nuotare con leoni marini e pinguini qui – ma non aspettarti di fare jet ski o usare la fotografia flash.

Photos.com

Himalaya, Nepal

Lo spettacolare Himalaya comprende le montagne più alte della terra e vanta un paesaggio surreale di cime innevate che lasceranno sicuramente una forte impressione. Il regno himalayano del Nepal, situato tra l’India e la Cina, offre alcuni dei migliori accessi a queste cime montuose, dove i paesaggi variano dalle valli subtropicali (complete di banani) alle foreste alpine (che ospitano gli yak al pascolo). Le rustiche baite offrono agli escursionisti indipendenti la possibilità di fare escursioni e riposare al proprio ritmo. Per un’esperienza davvero arricchita, unisciti a uno dei famosi trekking da campeggio (da 4 a 25 giorni), modellato sulle prime spedizioni di alpinismo nepalese, condividi il tuo tempo in montagna con un gruppo di guide, cuochi e facchini. Un’escursione al Monte. Il campo base dell’Everest, nel Sagarmatha National Parke Annapurna (il più popolare grazie all’accessibilità) sono due escursioni da non perdere.

 

0 Commenti

Previous reading
Le Top 10 destinazioni per l’ecoturismo
Next reading
Ecoturismo in America: l’eco-itinerario del New England